La DMC del nostro territorio ha già un nome:”Terre D’Amore In Abruzzo”; grande partecipazione e consenso nelle adesioni, che continuano a pervenire da parte degli operatori economici, dagli enti e dalle associazioni della valle Peligna, del Sagittario e Subequana, e che con grande generosità e lungimiranza stanno dando una forte credibilità al progetto.

Anche a  seguito delle richieste di Fabbricacultura, che ha sollecitato la concessione di un maggior lasso di tempo  per una opportuna  e consona campagna di sensibilizzazione, la Regione Abruzzo ha comunicato di aver deliberato la proroga di giorni 30 del termine per la adesione al bando per la progettazione turistica denominato DMC.

Fabbricacultura esprime un plauso all’Assessore Di Dalmazio che  sarà sicuramente ripagato con progetti ancora più di qualità  che arriveranno dai territori. La proroga consentirà di soddisfare uno degli obiettivi principali di Fabbricacultura e del comitato promotore: coinvolgere  il maggior numero di attori pubblici e privati, grandi e piccoli, operatori turistici al 100% e non, istituti di credito e società di servizi, parchi e riserve naturali, eccellenze culturali,  agroalimentari e artigianali consapevoli  che il turismo possa rappresentare un importante drive di sviluppo per le comunità della valle peligna, della valle del sagittario e della valle subequana, naturalmente predestinate  a condividere un unico progetto turistico.

E’ indetta da Fabbricacultura, e promossa dal comitato promotore costituito da Confindustria, Confesercenti, Confagricoltura e Ascom Fidi,  una ulteriore riunione  pubblica di animazione, oltre ai plurimi incontri privati che i tecnici stanno avendo questi giorni con diversi operatori singoli ed amministratori,  per il giorno 27 febbraio 2013 alle ore 17 presso l’Hotel Meeting  per continuare l’opera di sensibilizzazione, di raccolta adesione, per chiarire eventuali dubbi e perplessità e soprattutto per cominciare a raccogliere idee, stimoli e progettualità da parte di tutti gli attori della nostra comunità che saranno indispensabili e propedeutici alla redazione del progetto strategico che la DMC dovrà presentare.

Comments are closed.